Sito ufficiale delle Piccole Suore Missionarie della Carità (Don Orione)

Cercando tracce di Don Orione: l'ospedale Vilardebó

27 luglio

anteprima1 2707018Da quando ho sentito parlare di Vilardebó, l'ospedale psichiatrico di Montevideo, ho sentito dire che Don Orione celebrò più volte la Santa Messa nella cappella di questo ospedale. Inoltre, alcuni dicono che qui è stata la sua ultima Messa in America, prima di partire per l’Italia il suo paese natale, nell'agosto del 1937. Cercando prove scritte a supporto di queste testimonianze, ho contattato le Suore del Giardino, che avevano una comunità lì fino agli anni 60. Loro non hanno conservato alcun documento relativo all'argomento, ma hanno condiviso un "piccolo fiore". Suor Anselma Porta era la sacrestana quando il nostro fondatore visitò l'ospedale. Ci hanno anche detto che voleva essere una Piccola Suora Missionaria della Carità, ma che Don Orione stesso le disse di rimanere nella sua congregazione.[1]

 

Ho deciso quindi di visitare le strutture dell'Ospedale. Per questo, mi sono messa in contatto con l'infermiera Selva Tabeira che ha promosso, tra gli altri progetti di riabilitazione, la creazione del museo Vilardebó. È stata così gentile da darmi il numero di telefono della storica Magela Fein, la consulente tecnica di questa impresa, che era disposta a ricevermi.

 

Giovedì 7 giugno 2018 sono arrivata all'ospedale con alcuni tecnici del Cottolengo interessati all'argomento: Adriana Díaz, assistente sociale; Gloria Gomez, direttrice della scuola e Guillermo Scaltritti, psicologo.

 

Lì ci aspettava la signora Magela che, in risposta alla richiesta che avevamo fatto in precedenza, ha preso le chiavi della cappella poiché, purtroppo, è chiusa al pubblico da un po 'di tempo a causa del rischio di crolli. Insieme al resto dell'edificio è dichiarata patrimonio storico dell'Uruguay. All'interno della cappella abbiamo scattato diverse fotografie e provato a connetterci con il passato ... su quell'altare che abbiamo toccato, il nostro caro Padre celebrò la Messa.

 

L'infermiera Selva si è unita a noi, con lei abbiamo visitato i laboratori di riabilitazione che coordina. Quindi siamo andati al museo. Lì abbiamo potuto vedere gli oggetti da lavoro e gli archivi dell’ospedale, come ad esempio le schede di entrata dei pazienti e i libri di dimissione.

 

È stata una grande esperienza entrare in contatto con la storia della salute mentale in questo paese. Purtroppo non abbiamo trovato alcun documento che certificasse che Don Orione era passato per questo posto. Tuttavia, abbiamo potuto contemplare la presenza del suo spirito in queste due donne che lavorano silenziosamente per dare una migliore qualità di vita ai nostri fratelli, i "pazzi", quelli che la società preferisce tenere "chiusi" per sentirsi più "sicura". Selva, l'infermiera, porta avanti diversi progetti di lavoro attraverso i quali cerca di dare non solo una migliore qualità di vita ai pazienti, ma anche di dare loro la possibilità, una volta usciti dall’Istituto, di ottenere un lavoro dignitoso.

 

Magela, la storica, oltre ai suoi compiti di ricerca, sta portando avanti il lavoro di raccogliere, una per una, le migliaia di foto che sono state fatte ai pazienti al loro ingresso, confrontandole con i dati contenuti nei libri di registrazione, per essere in grado di identificarli. Ciò ha permesso a diverse persone in cerca di informazioni di ricostruire la storia dei parenti che sono stati ricoverati in questo ospedale dove hanno trascorso gli ultimi anni della loro vita. A questo proposito, guardando una foto, mi ha detto: "Se questa persona potesse parlare, mi chiederebbe di cercarla".

 

Sebbene non avessimo nessun dubbio sulla presenza del nostro Padre, siamo rimasti sorpresi nel vedere il suo viso scolpito su una lastra di marmo. Più tardi abbiamo appreso che c'è un artista tra i partecipanti al workshop; José Luis Noble che scolpisce i volti in pezzi dei vecchi tavoli dell'ospedale.


Così siamo tornati, entusiasti di vedere tanta vita nascosta dietro le mura dell'ospedale di Vilardebó, il "manicomio", il luogo dei "dimenticati".

 

Ma soprattutto, con grande gioia Don Orione non si trova sui giornali ma tra i poveri e nelle mani generose di tanti fratelli che fanno loro del bene.

Hna. María Tamara Mará

 


[1] Testimonianza telefonica di Suor Carmen. Junio de 2018.

 

Vedi anche BLOG "Raccontaci di Lui"