Lunedì, 14 Settembre 2020 07:39

Pontecurone: Seguendo "uno strano prete" ... approda al suo paese come parroco.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sabato 12 settembre, la comunità di Pontecurone ha accolto il suo nuovo parroco nella persona dell’orionino Don Loris Giacomelli che dopo 11 anni trascorsi nella parrocchia di San Pietro in Voghera giunge al paese natale del suo santo fondatore.

Una solenne celebrazione presieduta dal vescovo diocesano Mons. Vittorio Francesco Viola che insieme al nuovo parroco giunge nella Collegiata di Santa Maria Assunta dove Don Orione ricevette il battesimo e dopo un momento di preghiera personale, si recano percorrendo la via principale del paese, nella Chiesa di San Giovanni per proseguire poi al monumento di Don Orione per la celebrazione eucaristica.

 All’inizio il vicario episcopale Don Maurizio Ceriani da lettura del decreto di nomina del nuovo parroco. Dopo i riti esplicativi nei quali Don Loris ha asperso il suo nuovo gregge e venerato con l’incenso il santo altare, ci si è messi in ascolto della Parola di Dio. "Don Loris viene in mezzo a voi, dice il vescovo nell'omelia, per dono di grazia perché la sua chiamata a seguire Gesù Cristo sulle orme di Don Orione è grazia purissima, chiamato a viverlo con una tonalità intensissima di amore". 

Al termine della celebrazione come da cerimoniale, un rappresentante della comunità ha rivolto un saluto di benvenuto a Don Loris, seguito da quello del sindaco e da un rappresentante della comunità di Voghera che ha voluto ancora una volta ringraziare Don Loris per il suo ministero in mezzo a loro.

Dopo il saluto del direttore provinciale Don Aurelio Fusi, ha preso la parola Don Loris il quale ha detto con voce commossa come il Signore ha guardato al suo ministero facendolo approdare proprio nel paese natale di Don Orione e con questi sentimenti di fratellanza iniziare insieme un nuovo percorso di vita. È seguita poi la benedizione della statuetta della Madonna di Itati restaurata grazie all'associazione culturale cittadina "Il paese natale di Don Orione".

La celebrazione è stata guidata nel canto da Massimiliano Redaelli insieme al coro del paese.
Dalla cameretta persone di Voghera, alla casa Natale di Don Orione, dalla quale auguriamo a Don Loris di essere il buon pastore in mezzo al suo gregge animandolo e avendo cura di ognuno delle sue pecorelle affidategli.

Fabio Mogni

Letto 81 volte

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.