Venerdì, 22 Marzo 2024 09:29

Imparare l'arte della cura della vita fragile.

Vota questo articolo
(3 Voti)

A Palermo presso la struttura “Isola della Carità” dal 19 al 21 marzo si è svolto l'incontro dei coordinatori e responsabili d'opera della Provincia Mater Dei accompagnati dall'economa provinciale sr. M. Gabriella Perazzi.

Alternando momenti formativi e itinerari storico- artistici i nostri collaboratori si sono sentiti accompagnati in un viaggio di conoscenza e riflessione sul valore della cura alla vita fragile.

Palermo nelle sue contraddizioni di città povera, degradata e in continua rinascita con la sua storia millenaria di accoglienza e convivenza di popoli e culture è un luogo speciale in cui si sperimenta che la convivenza è possibile nella diversità.

La dott.ssa Anna Staropoli, il dott. Angelo Vecchio e la dott.ssa Maria Stella Epifanio hanno nei loro interventi dato corpo a un percorso il cui filo rosso è stato mettere al centro la persona sia nella sua qualifica di operatore che di  ospite sia nelle  fragilità cui tutti siamo intrisi.

Le nostre opere devono essere porte aperte al dolore, luoghi sananti, in cui la persona è accolta, sostenuta, luoghi in cui ciascuno si può narrare  e in cui la persona è guardata in tutte le dimensioni. L'umanizzazione della cura non può essere inquinata da pensieri di  malattie inguaribili, ma deve essere ricca di spiritualità e della certezza che ogni malattia è curabile.

Lasciamo questa realtà attraversati da pensieri, desideri progetti, ma soprattutto convinti che san Luigi Orione ci ha lasciato una eredità speciale da cui non possiamo esimerci: scoprire che in ogni misero brilla l'immagine di Dio.... E in ogni misero ci siamo anche noi, nelle nostre imperfezioni e fragilità, che possono, attraverso relazioni di aiuto, dare vita e speranza nuova a chi entra nelle nostre case.

Letto 358 volte Ultima modifica il Venerdì, 22 Marzo 2024 09:50