Lunedì, 07 Ottobre 2019 10:23

In missione in Kenya: “Sì me la sono andata a cercare”.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Camilla Canale è una giovane che ha vissuto lo scorso anno un'esprienza di missione nella comunità delle Piccole Suore Missionarie della Carità di Laare (Kenya), dove ha conosciuto tanti bambini e famiglie che le suore seguono e aiutano. Quest'anno è tornata in Kenya per consolidare il suo legame con le persone e i luoghi conosciuti e donare un pò del suo tempo e della sua compagnia...

“Non andare in Africa, è pericoloso”; “Ti è andata bene una volta, non sfidare la sorte”; “Hai visto quanti ragazzi vengono poi rapiti o subiscono violenze?!”; “Se vuoi andare vai, sappi però che te la vai a cercare”. Queste o più frasi ho sentito prima di partire per il mese di agosto in Kenya come volontaria nelle missioni fondate dalle Piccole suore missionarie della carità di Don Orione.

Sono tornata per la seconda volta dopo la felice esperienza dell’anno scorso in cui mi sono affezionata alle suore, ai bambini e ragazzi aiutati nella missione e, più in generale, all’Africa.

Tornare a Laare, nella contea di Meru nel Kenya centrale, mi ha permesso di consolidare il legame con quel luogo. Può sembrare scontato, ma la cosa più preziosa che si può offrire a qualcuno è il tempo e la compagnia. Ed è principalmente questo quello che io e gli altri volontari abbiamo donato. Il resto: soldi, giochi e caramelle, è secondario. Il giorno che sono arrivata a Nairobi, sister Alicja, incaricata delle missioni, mi ha detto: “È più importante la vostra presenza dei soldi. Sono sicura che è Dio che vi chiama a venire qui. I bambini e noi missionari abbiamo bisogno di voi così ci sentiamo meno soli”.

Sono rimasta 3 settimane a Laare e poi ho accompagnato sister Alicja, la mia amica volontaria Federica e alcuni bambini kenioti con i loro sponsor polacchi a Malindi, un paradiso sulla costa africana. Non era previsto. Abbiamo cambiato il mio biglietto pochi giorni prima proprio per andare lì: in una casa meravigliosa a tre piani proprio di fronte al mare. Era la prima volta che i bambini vedevano l’oceano, è stata una gioia. Inizialmente, avevano paura di avvicinarsi alla riva ma poi hanno iniziato a tuffarsi nelle onde oceaniche e nell’acqua trasparente.

Queste e tante altre avventure abbiamo vissuto in Kenya. Difficile raccontare e spiegare quello che è stato. Tuttavia, porto con me quei volti ed è sempre forte la voglia di rivederli. Mi accompagna una frase in particolare che una donna, proprietaria di un negozio, mi ha detto quando ha regalato dei vestiti a Kanana, una bambina di strada: “We are planting seeds for tomorrow” (stiamo piantando dei semi per il domani). Un invito a ricordare che il bene che facciamo, ogni piccola azione, non è mai inutile. Sono, come disse Madre Teresa di Calcutta, piccole gocce nell’oceano ma se non ci fossero all’oceano mancherebbero.

E così, sì, me la sono andata a cercare e lo rifarò.


 

 

 

 

 

 

Letto 321 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Ottobre 2019 11:42

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.