Venerdì, 27 Dicembre 2013 08:30

Angelus del Papa a Santo Stefano: "fratelli e sorelle accusati ingiustamente...più numerosi oggi che nei primi tempi della Chiesa"

Vota questo articolo
(0 Voti)

27 dicembre

 

anteprima_27120132Nell’Angelus pronunciato ieri nel giorno di Santo Stefano, il Pontefice ha posto l’accento sul tema della libertà religiosa, ricordando la situazione di quei “Paesi e ambienti che sulla carta tutelano la libertà e i diritti umani, ma dove di fatto i credenti, e specialmente i cristiani, incontrano limitazioni e discriminazioni“.

“Oggi – ha detto il Papa - preghiamo in modo particolare per i cristiani che subiscono discriminazioni a causa della testimonianza resa a Cristo e al Vangelo. Siamo vicini a questi fratelli e sorelle che, come Santo Stefano, vengono accusati ingiustamente e fatti oggetto di violenze di vario tipo. Sono sicuro – ha aggiunto Bergoglio – che purtroppo sono più numerosi oggi che nei primi tempi della Chiesa”.

 

 

Per approfondire il discorso del Papa clicca qui.

Letto 1655 volte Ultima modifica il Venerdì, 27 Dicembre 2013 08:40

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.