Venerdì, 30 Gennaio 2015 11:53

San Giovanni Bosco con i giovani e per i giovani

Vota questo articolo
(0 Voti)

30 gennaio

anteprima2 3001015

Domani 31 gennaio ricordiamo la nascita al cielo di san Giovanni Bosco (avvenuta nel 1888 cioè 127 anni fa).

In questo stesso anno la famiglia Salesiana e tutta la Chiesa celebra il Bicentenario della sua nascita (16 agosto 1815-2015). L’Evento è stato preceduto dal triennio di preparazione durante il quale in ogni tappa si è cercato di sviluppare un aspetto del carisma di questo grande santo: “Conoscenza della storia di Don Bosco” (16 agosto 2011 – 2012); “Pedagogia di Don Bosco” (16 agosto 2012 – 2013) e “Spiritualità di Don Bosco” (16 agosto 2013 – 2014).

L’Anno di celebrazione intitolato “Missione di Don Bosco con i giovani e per i giovani” inizierà il 16 agosto 2014 per terminare il 16 agosto 2015.

 

Per approfondire la conoscenza di San Giovanni Bosco potrà essere di grande aiuto vistare il sito appositamente preparato: http://www.bicentenario.donboscoitalia.it/.

 

Come ben sappiamo Don Orione da ragazzo è stato da Don Bosco a Torino per 3 anni (4.10.1886-16.08.1889) concludendo i suoi studi ginnasiali e desideroso seguire le orme di questo grande santo ma la Divina Provvidenza dispose diversamente. Tuttavia bastavano questi pochi anni accanto a Don Bosco per prendere a cuore l’esempio di santità e lo zelo per le anime specialmente per i giovani.

Don Orione confessò con il tempo: “Ho sempre pensato che non per niente il Signore volle che andassi da Don Bosco, conoscessi lui e gli altri Salesiani della prima ora. Se in Congregazione c'è qualche cosa di buono, lo dobbiamo a Don Bosco!... Quanto benedico Iddio di aver conosciuto Don Bosco!” (Parola, 26.11.26). E in altro momento diceva: “Tutto quello che voi vedete in me è il frutto di tre anni passati all’Oratorio di Don Bosco; e la mia vocazione si è sviluppata in quell’atmosfera satura di pietà e di amore di Dio. Don Bosco ci faceva trovare, attorno a noi, un soffio di affetto santo” (Parola, 3.7.28).

L’inscrutabile è l’economia della salvezza! In ogni tempo si trovano persone aperte alle ispirazioni dello Spirito Santo che mettono tutti i loro doni di natura e di grazia al servizio della Chiesa rispondendo a qualche particolare necessita. Papa Francesco nella “Lettera ai consacrati” scrive: “Mi attendo che «svegliate il mondo», perché la nota che caratterizzava la vita consacrata è la profezia. (…) Il profeta riceve da Dio la capacità di scrutare la storia nella quale vive e di interpretare gli avvenimenti: è come una sentinella che veglia durante la notte e sa quando arriva l’aurora (sf. Is 21, 11-12). Conosce Dio e conosce gli uomini e le donne suoi fratelli e sorelle. È capace di discernimento e anche di denunciare il male del peccato e le ingiustizie, perché è libero, non deve rispondere ad altri padroni se non a Dio, non ha altri interessi che quelli di Dio”.

Don Bosco è stato uno di questi profeti dei quali parla Papa Francesco e oggi a noi spetta di essere Santi, cioè di seguire il Signore in maniera speciale e in modo profetico.

 

Leggi l'articolo di Don Flavio Peloso

http://www.host-lime.com/do/messaggi/articolo.asp?ID=585

Letto 666 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Gennaio 2015 15:32

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.