Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Anno di fondazione: 1987

Araguaína si trova nel nord del Brasile, vicino alla ferrovia Belém-Brasília. L'Istituto ha come finalità quella di occuparsi dei bambini dai 2 ai 5 anni, mirando alla formazione integrale. Grazie all'ampliamento dei locali e alle attività che la scuola materna sviluppa si è dentro alle norme pedagogiche, ed è possibile beneficare un maggior contingente di famiglie in difficoltà.

Anno di fondazione: 1989

L'Isola di Marajó è un’area ambientale protetta del Pará, ricca di potenzialità, ma impoverita da diverse difficoltà come la disoccupazione, l'esodo rurale e la mancanza di assistenza politica e spirituale.
Fin dall'inizio le suore hanno creato uno stretto legame con la popolazione, visitando le famiglie, in modo da poter comprendere le necessità basilari della popolazione.
Attualmente diversi sono i problemi che colpiscono la popolazione giovane dell'Isola: l’alto tasso di gravidanze di ragazze adolescenti, la dipendenza dall'alcool, dai narcotici, dalla droga. Ciò richiede una formazione urgente, una pastorale giovanile che vada incontro a questa realtà mostrando un Gesù Cristo che propone a chi lo segue di essere "persona nuova". La meta principale della pastorale giovanile è evangelizzare i giovani, metterli in contatto con la persona ed il messaggio di Gesù Cristo incarnato nella storia e nella vita di ognuno di loro. Insieme al popolo di questa isola le Piccole Suore Missionarie della Carità, fedeli alla loro opzione radicale per Gesù Cristo cercano di seminare la fede, la speranza e la solidarietà, impegnate con la causa di tutti coloro che hanno un dolore.

Venerdì, 10 Maggio 2013 09:34

Educandário N. S. Aparecida – Guararapes

Anno di fondazione: 1965 (1989)

Nel 1989 è cominciata una nuova tappa di lavoro prestato dall'Istituto alla comunità di Guararapes. Con l'aumento della coltivazione della canna da zucchero e del cotone nella regione, come anche il sorgere di piccole industrie, è cresciuta la migrazione delle persone povere, provenienti da tanti paesi, in cerca di lavoro e così è aumentata anche la domanda di luoghi di assistenza per i bambini. Per rispondere a questa nuova esigenza, la struttura ha iniziato a funzionare come centro educativo. Attualmente sono accolti bambini dai 7 ai 14 anni, appartenenti a diverse religioni. L'obiettivo dell'Istituto è quello di sviluppare attività di orientamento psico-pedagogico, mirando alla socializzazione dei bambini e degli adolescenti, allo sviluppo del senso critico e ad abilitare per una professione, sempre in relazione ad ogni tappa evolutiva. Inoltre i destinatari hanno a disposizione aule di musica, arti plastiche, per corsi di recupero, di ricamo a macchina e a mano, di pittura e per la catechesi. Le suore, i professori, gli educatori e i tecnici, con attività di gruppo, dirette o libere, stimolano i bambini e gli adolescenti nel loro sviluppo integrale e armonico. Le suore, inoltre, svolgono attività parrocchiali.

Venerdì, 10 Maggio 2013 09:33

Comunidade “Dom Orione” - São Paulo

Anno di fondazione: 1997

I costanti cambiamenti avvenuti a Brasile negli ultimi anni hanno provocato profondi cambiamenti nel quadro sociale del paese, contribuendo a far nascere nuove forme di povertà. In risposta a questa realtà, le Piccole Suore Missionarie della Carità, su invito della Chiesa di S. Paulo, nel 1997 hanno aperto una nuova comunità nella regione di Brás. L’attività iniziò subito con un lavoro di pastorale con le persone sofferenti della strada (bambini e adulti), con gli abitanti delle favelas e dei cortiços, il movimento dei Sem Terra (Senza Terra), generalmente composto da persone che, private della loro terra, sono diventate vittime dell'esclusione sociale. Per quanto riguarda la pastorale dei bambini e dei minori che abitano nelle favelas e nei cortiços, le suore ed i volontari accompagnano i bambini dai zero ai 6 anni. Le suore supportano le gestanti, accompagnandole affinché i loro bambini nascano sani e siano allattati con latte materno. Si cerca di prevenire la denutrizione, le malattie, la disidratazione e viene incentivata la vaccinazione dei bambini.
La missione viene realizzata in collaborazione con la Diocesi.
Altro lavoro assunto dalla comunità è la Pastorale carceraria, il cui principale obiettivo è l'evangelizzazione, facendola passare attraverso la presenza umana e cristiana nel tessuto dell'umanità. Attraverso di essa si cerca di riavvicinare i prigionieri alle loro famiglie e dar loro la possibilità di avere un avvocato. Le famiglie dei detenuti sono informate sui loro diritti di assistenza da parte dello Stato.

Anno di fondazione: 2003

Samambaia è una città satellite, posta nella periferia di Brasilia e fondata nel 1989. Vi si sono stabilite persone provenienti dal Nord e Nord-Est del Paese in modo da essere vicine a Brasilia e trovarvi un lavoro. Il gran numero di chiese esistenti in Samambaia, permette di constatare che la fede è il punto forte della popolazione.
Samambaia vive un sociale molto difficile, con alti tassi di disoccupazione, utilizzo di droghe, prostituzione, ragazze madri. Inoltre, è stato stimato che vi sono più di 2000 bambini che attendono un posto in una scuola materna, anche perché molti genitori lavorano in città e sono costretti a lasciare i bambini e gli adolescenti in casa.

Venerdì, 10 Maggio 2013 09:22

Comunidade de Buritis – RONDONIA

Anno di fondazione: 2011

Anno di fondazione: 1978

Santo Antão è l'isola montagnosa per eccellenza dell'Arcipelago del Capo Verde. La popolazione è semplice e ama condividere con le suore quel poco che possiede.
Le suore hanno assunto la pastorale non solo nella parrocchia Nossa Senhora do Rosário di Ribeira Grande, ma anche nelle due parrocchie vicine. Si realizzano catechesi per i bambini e gli adulti, la pastorale familiare e la pastorale giovanile, si promuovono incontri formativi e si insegna il primo soccorso, l'igiene, puericultura, l'economia domestica, la pittura su stoffa, ricamo e taglio e cucito.
Inoltre, attraverso la promozione della pastorale carceraria è stato sviluppato un progetto di alfabetizzazione assieme ai prigionieri e, in collaborazione con il giudice, si è potuto far lavorare i detenuti meno pericolosi all'esterno del carcere, nella costruzione delle strade. Infine, per tenerli occupati le suore procurano materiale artigianale da lavorare.
Altra grande sfida è quella della lebbra. Le Piccole Suore Missionarie della Carità, lavorando in tale ambito, hanno subito compreso che il primo muro da superare era quello dei preconcetti. A poco a poco, aiutate dalla comunità locale, dal Nunzio Apostolico e da un medico specializzato, si è potuto costruire una casa per le persone infette.
Nel lavoro di promozione della donna, uno dei compiti delle suore, agli inizi della missione, è stato quello di preparare le giovani che volevano emigrare sia dal punto di vista burocratico, sia preparandole professionalmente con incontri e corsi.
Infine, una delle suore lavora presso l’ospedale locale come infermiera.

Anno di fondazione: ----


La casa è stata fondata con lo scopo di offrire una miglior formazione accademica e religiosa alle vocazioni autoctone, poiché Praia, capitale della Repubblica di Capo Verde, alla fine degli anni '80 aveva scuole medie, licenze brevi di alcuni corsi e una scuola di formazione dei professori dalla prima alla quarta serie dell'insegnamento fondamentale. Esisteva, inoltre, un corso per infermieri.
Si lavora nel campo sociale, come membri della Charitas, aiutando nell'area della promozione umana.

Anno di fondazione: 1995

Il primo contatto delle PSMC con la Costa d’Avorio è avvenuto nel 1994 quando, dietro l’invito dei Figli della Divina Provvidenza, alcuni membri del Consiglio generale delle PSMC visitarono la realtà della Costa d’Avorio e nel 1995 le prime suore aprirono una comunità.
Il primo anno la comunità ha vissuto in costa d’Avorio con l’obiettivo di prendere contatto con la gente del luogo ed imparare la lingua francese.
Nel 1996 è iniziata l’attività di apostolato con l’apertura di un dispensario ad Anyama Adjamé.
Attualmente la missione, oltre al dispensario, si occupa di dare sostegno e aiuto a bambini denutriti, anemici e malati.
Le suore cercano di operare con quello che si ha e come si può, offrendo il proprio servizio, preghiera e sostituendo a volte anche il medico.
Inoltre, nel 2000 è stata inaugurata una scuola di taglio e cucito grazie all’aiuto della ONG spagnola “Manos Unidas”. Essa permette alle ragazze che frequentano la scuola di apprendere una professione, di confrontarsi, di ricevere consiglio e di approfondire i valori morali e cristiani.
Il lavoro della missione si svolge anche in diverse attività parrocchiali e tra la gente.

Anno di fondazione: 2005

Nel febbraio 2005, fu presentata alle PSMC da parte dei Figli della Divina Provvidenza la richiesta di occuparsi di un’opera assistenziale per handicappati lasciata loro da una laica francese. I padri esprimendo la loro impossibilità a dare seguito al lascito, chiesero alle PSMC di assumersi tale impegno.
Dopo un periodo di riflessione, il Consiglio generale delle PSMC accettò la richiesta e vedendo le condizioni in cui si trovavano i bambini handicappati ospitati, affrettarono la propria presenza per prestare il proprio soccorso.
Nell’ottobre 2005, come segno dei 10 anni di presenza in Costa d’Avorio, è nata una nuova Comunità presso la nuova opera, che canonicamente è stata eretta nel febbraio 2006.
Le Piccole Suore Missionarie della Carità svolgono apostolato, insieme alle persone ospitate che vivevano in una condizione di abbandono, sofferenza e marginalità.

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.