Mercoledì, 24 Luglio 2019 10:29

Polonia: Giubileo di Vita Consacrata

Ecco il giorno che ci ha dato il Signore...

Domenica 14 luglio, nella provincia N. S. di Częstochowa, tre suore hanno celebrato il loro giubileo di vita consacrata. Sr. M. Irena il 50°, Sr. M. Katarzyna e Sr. M. Monika il 25°. 

Pubblicato in 2019
Martedì, 02 Febbraio 2016 11:02

La grazia della vocazione religiosa orionina

02 febbraio

anteprima02022016Oggi, 2 febbraio – festa della Presentazione del Signore - si festeggia nella Chiesa la Giornata Mondiale della Vita Consacrata. Il Consacrato per eccellenza è Gesù di Nazaret (Gv 10, 36), «Gesù è colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo in modo supremo (cfr. Gv 10,13).

Ogni cristiano, per tanto, è reso partecipe della consacrazione di Gesù e della Chiesa mediante i sacramenti fondamentali dell’iniziazione cristiana (cf LG 10-12; 34-36).

La Chiesa è tutta intera un popolo di battezzati-cresimati consacrati da Dio a Dio e chiamati a vivere coerentemente nella santità del loro “stato” battesimale-cresimale e ad essere per il mondo sacramento di salvezza.

La vita consacrata della Chiesa si fonda sulla centralità di Gesù, professato Cristo e Signore, e propone di vivere come Lui, casto, povero e obbediente alla volontà del Padre.

San Paolo scrive: “La vergine si preoccupa di essere santa nel corpo e nello spirito” (1 Cor 7, 34). “Santa” e “senza distrazioni” (7, 35), cioè consacrata, appartenente completamente al Signore con un amore che vuole avere un solo cuore: quello di Cristo.

Don Orione amava e valorizzava tanto la vocazione religiosa da scrivere: “Il desiderio della vita perfetta non può venire che da Dio. È una somma grazia che Iddio ti fa: la vocazione religiosa è il più grande beneficio di Dio, dopo il battesimo. (…) E la vocazione religiosa non è già di chi è perfetto; ma di chi desidera di diventarlo. (…) Va avanti alla Madonna: mettiti come uno straccio, di più, come un figlio, ma bambino nelle sue mani, e poi decidi come fossi in punto di morte, e avrai deciso bene” (A Giovanni Repetti, 13.10.1914; Scritti 42,57).

E incoraggiava le Suore dicendo: “Grazie a Dio, credo che non vi sia alcuna tra voi la quale non voglia questo: vivere di Gesù, portare in sé e glorificare in sé la carità di Gesù Cristo Crocifisso. Ed io umilmente lo prego il Signore che sempre vi dia questa santa e buona volontà e che voi lo assecondiate e compiate così la vostra grande vocazione, e che vi doniate di gran cuore a Lui, e che ne portiate la carità a tutti i cuori e a tutto il mondo magnanimamente (18 agosto 1921).

 

Ieri papa Francesco durante l’Udienza dedicata ai Consacrati nell’Aula di Paolo VI ha indicato di vivere con profondità tre pilastri della vita consacrata: profezia, prossimità e speranza.  

“La profezia è dire alla gente che c’è una strada di felicità, di grandezza, una strada che ti riempie di gioia, che è proprio la strada di Gesù”.

“La vita consacrata mi deve portare alla vicinanza con la gente: vicinanza fisica, spirituale, conoscere la gente”.

E riguardo alla speranza ha detto: “Io domando a voi: il vostro cuore, davanti a questo calo delle vocazioni, prega con questa intensità? “La nostra Congregazione ha bisogno di figli, la nostra Congregazione ha bisogno di figlie…”.

Il Signore che è stato tanto generoso non mancherà la sua promessa. Ma dobbiamo chiederlo. Dobbiamo bussare alla porta del suo cuore”.

Oggi, chiusura dell'Anno della Vita Consacrata un gruppo di PSMC ha partecipato alla celebrazione in San Pietro, presieduta da Papa Francesco, il quale nell'omelia ha esortato con forza: "siate uomini e donne dell'Incontro", e dopo la Santa Messa, ai consacrati che stavano nella Piazza (pure noi), ha invitato a non dimenticare “la prima chiamata”, a ricordare lo stupore di quella vocazione. “Continuate – ha concluso il Papa - a lavorare e a guardare al domani con speranza, chiedendo sempre al Signore che ci mandi nuove vocazioni, così la nostra opera di consacrazione potrà andare avanti”.

Come Suore di Don Orione vogliamo prendere a cuore queste indicazioni del Papa Francesco e vivere più intensamente la nostra consacrazione nella Chiesa a favore dei più poveri.

 

Leggi il discorso del Papa del 1 febbraio

Leggi l'omelia del 2 febbraio

 

Pubblicato in 2016

24 aprile

anteprima2 2404015Sr. M. Rosanna Sanchez Superiora della Provincia “N. S. del Carmen” (Cile - Perù) e Sr. M. Ericka Oyarzo vicaria e segretaria provinciale, hanno partecipato, insieme a più di 140 religiosi e religiose del Cile, alla 47° Assemblea Generale dei Superiori maggiori, che si è tenuta dal 20 al 22 aprile, presso il Centro di Spiritualità Loyola, nel comune Padre Hurtado (Santiago) con il tema: “Togliete via la pietra!...Vieni fuori!... Scioglietelo, e lasciatelo andare...! (Gv. 11,39. 43. 44).

Papa Francesco ha invitato tutti i religiosi a dedicare questo anno alla Vita Consacrata. Il desiderio e la direttiva nazionale di CONFERRE (Conferenza dei Religiosi e Religiose del Cile) è stata: celebrare insieme, rallegrarsi e vivere un tempo di grazia per rinnovare la gioia e la passione che permettono di dare “luce” alla novità che lo Spirito ha suscitato in ogni partecipante.

L’Assemblea ha avuto carattere pre-congressuale, in quanto ha preparato l’evento centrale della celebrazione dell’Anno della Vita Consacrata in America latina e Caraibi, che si svolgerà a Bogotà in Colombia dal 18 al 21 Giugno 2015.

Pubblicato in 2015

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.