18 settembre

anteprima2 1809015Il Cile, colpito da un violento terremoto di magnitudo 8.3, il cui epicentro è stato localizzato a 11 chilometri di profondità nella zona di Illapel, circa 233 km a nord della capitale Santiago, celebra  oggi la sua Festa Nazionale in un clima di raccoglimento e preghiera per le vittime del sisma ma anche di fede e speranza per il futuro.

 

Sr. M. Rosanna Sánchez, Superiora della Provinia “N. S. del Carmen”, in contatto telefonico da Santiago, ha assicurato che le comunità delle PSMC non hanno subito alcun danno, non essendo presenti nella località maggiormente colpita dal sisma.

 

 

Di seguito un primo resoconto di quanto accaduto, inviato dalla Segretaria provinciale Sr. M. Ericka Oyarzo.

 "Chile está desvastado por el terremoto, la magnitud del Sismo fue impresionante, pero la fuerza de los chilenos es impresionante, para que a pesar del dolor nos levantemos y volvamos a comenzar, con esperanza y confianza.

 

La cifra de muertos por el terremoto ha aumentado en las últimas horas. Según amanece en el país, las autoridades han encontrado nuevos cuerpos, elevando la cifra de fallecidos a 11 personas por el potente sismo de magnitud 8.4 que durante más de tres minutos de duración remeció el miércoles el centro y norte de Chile. La fuerza del terremoto  causó importantes destrozos en localidades próximas al epicentro, localizado en el océano Pacífico.

 

El epicentro del movimiento telúrico se ubicó 54 kilómetros al oeste de la localidad de Illapel y 233 kilómetros al norte-noroeste de Santiago, según el Servicio Geológico de Estados Unidos. El USGS ubicó la magnitud del temblor en 8.3.

En un primer balance, la oficina de emergencias confirmó la muerte de cinco personas y detalló que 1 millón fueron evacuadas después del sismo, el más fuerte que se registra en Chile desde que un terremoto de magnitud 8.8 remeció al país en 2010, dejando cerca de 500 muertos. Posteriormente se elevó la cifra a ocho, para después aumentarla hasta los 12 fallecidos.

Las ciudades de Choapa, Illapel, Salamanca, Canela,  Los Vilos y Coquimbo son las áreas más afectadas por el terremoto. En esta última hay importantes daños en el puerto. Todas han sido declaradas zona catastrófica, lo que facilitará la llegada de fondos para ayudar a los afectados.

 

Tras el temblor, las autoridades chilenas decretaron una alarma de tsunami y la evacuación del borde costero del país desde Arica, en el norte, hasta Los Lagos, en el sur. Posteriormente, la agencia de emergencias canceló la alarma de tsunami en las sureñas regiones de Aysén y Magallanes, pero la mantenía en pie para el resto del territorio.

 

El movimiento de las placas tectónicas de Nazca y Sudamericana provocó una ruptura de unos 200 kilómetros, lo que hace presumir que habrá muchas más réplicas. Hasta el momento se han contado al menos unas diez réplicas, algunas de ellas de magnitud 6.

En Santiago no se ha informado de daños y las autoridades educacionales indicaron que el jueves habrá clases normales. El tren subterráneo se detuvo por precaución, en plena hora punta, y reanudó el servicio luego de una revisión de las vías, mientras que en el aeropuerto las autoridades informaron que no hubo daños estructurales y que se suspendieron temporalmente los vuelos por seguridad.

En la región de Tarapacá, en el norte, si se cancelaron las clases.

Sin embargo, en Santiago, donde edificios fueron remecidos por el sismo, no se informaba aún de daños significativos.

Chile, ubicado en el llamado "Anillo de Fuego" del Pacífico, es uno de los países más sísmicos del planeta. El sexto más intenso de nuestra historia.

 

Sin embargo, no debemos olvidar que Chile es un país sísmico, el más sísmico del mundo.La destrucción es enorme y la tarea que comienza aún mayor, pero  Chile se ha construido superando estas  adversidades, de la naturaleza.

Viviremos la celebración de Fiestas Patrias diferentes, con dolor, con oración, con esperanza y mucha fe. Celebraremos de manera sobria y sencilla".

   

Fraternalmente 

Hna María Ericka 

Secretaria Provincial

 

Per ulteriori informazioni 

Pubblicato in 2015

15 giugno 

anteprima1a 1506015Una delle principali preoccupazioni riguardanti l’area educativa della Provincia “N.S. del Carmen” è la ricerca di modalità di sostegno e accompagnamento alle comunità educative che sono chiamate a realizzare un lavoro di evangelizzazione di primo piano e al mondo dell’educazione. Per questo motivo 23 professori appartenenti alle equipe che gestiscono i collegi della Congregazione Orionina in Cile e le religiose delle varie opere, si sono riuniti per la Seconda Giornata di Formazione Carismatica di quest’anno, organizzata dall’equipe educativa guidata da Sr. M. Ericka Oyarzo, presso la sede provinciale delle Piccole Suore Missionarie della Carità dal 9 al 10 giugno.

Presenti all’incontro anche la Superiora provinciale Sr. M. Rosanna Sanchez e le direttrici delle opere in Cile.

 

Relatrice dell’incontro è stata Suor M. Angélica Ayala, Piccola Suora Missionaria della Carità della Provincia “N. S. di Luján” (Argentina), la cui missione incarna la dimensione evangelizzatrice-carismatica della Pastorale educativa orionina ed è generosaente a servizio della Provinica cilena per quest’anno.

Suor M. Angélica, tra i vari argomenti importanti trattati, ha parlato della necessità per il professore orionino di tenere sempre in considerazioni i cambiamenti che la nostra società sta vivendo oggi. Prima era più facile vivere la vocazione educativa che veniva vista come una realizzazione personale in cui venivano trasmesse le conoscenze fondamentali necessarie alla promozione della persona. Oggi con le tante difficoltà e problematiche interne alle famiglie il professore che deve fornire anche quei valori iniziali di base che prima i bambini ricevevano in seno alla famiglia.

 

Durante la sua esposizione Suor M. Angélica , partendo dallo studio “Il beato Luigi Orione e l’’educazione”, la lettera del 21 febbraio 1922 e quella del 5 agosto 1920, ha approfondito con i docenti i segenti temi: Perchè è importante l’azione e la contemplazione nel lavoro di insegnate, il significato motto paolino adottato da Don Orione come motto della sua congregazione “Instaurare omnia in Christo”.

Pubblicato in 2015

24 aprile

anteprima2 2404015Sr. M. Rosanna Sanchez Superiora della Provincia “N. S. del Carmen” (Cile - Perù) e Sr. M. Ericka Oyarzo vicaria e segretaria provinciale, hanno partecipato, insieme a più di 140 religiosi e religiose del Cile, alla 47° Assemblea Generale dei Superiori maggiori, che si è tenuta dal 20 al 22 aprile, presso il Centro di Spiritualità Loyola, nel comune Padre Hurtado (Santiago) con il tema: “Togliete via la pietra!...Vieni fuori!... Scioglietelo, e lasciatelo andare...! (Gv. 11,39. 43. 44).

Papa Francesco ha invitato tutti i religiosi a dedicare questo anno alla Vita Consacrata. Il desiderio e la direttiva nazionale di CONFERRE (Conferenza dei Religiosi e Religiose del Cile) è stata: celebrare insieme, rallegrarsi e vivere un tempo di grazia per rinnovare la gioia e la passione che permettono di dare “luce” alla novità che lo Spirito ha suscitato in ogni partecipante.

L’Assemblea ha avuto carattere pre-congressuale, in quanto ha preparato l’evento centrale della celebrazione dell’Anno della Vita Consacrata in America latina e Caraibi, che si svolgerà a Bogotà in Colombia dal 18 al 21 Giugno 2015.

Pubblicato in 2015
Mercoledì, 22 Aprile 2015 10:08

Cile: I° Incontro di Formazione Permanente

22 aprile 

 

anteprima1 2204015Le suore della Provincia “N.S. Del Carmen” hanno partecipato il 18 aprile, al primo Incontro di Formazione permanente, che si è svolto presso la sede provinciale a Santiago del Cile, realizzato nel contesto della celebrazione dell’Anno della Vita Consacrata.

Padre qp8qsé María Arnaiz religioso marianista appartenente al Consiglio Provinciale della sua famiglia religiosa in Cile, ha illuminato le partecipanti con una riflessione sulla Carta Ufficiale della CIVCSVA (Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrta e le Società di Vita Apostolica), preparatoria per l’Anno della Vita Consacrata dal titolo: “Scrutate”.

La meditazione del documento ha permesso di sottolineare aspetti significativi per la nostra vita consacrata, invitandoci a ristrutturarli, rifondarli e ridare loro significato.

È stato un giorno ricco al quale tutte le presenti hanno attivamente partecipato in un clima cordiale e fraterno. La giornata è terminata con la condivisione dell’esperienza delle consorelle che hanno partecipato agli Esercizi Spirituali a Buenos Aires, predicati dalla Superiora generale Madre M. Mabel Spagnuolo e ispirati all’incontro di Gesù con la Samaritana.

Sr. M.Ericka Oyarzo

Segretaria Provinciale

Pubblicato in 2015

17 aprile 

anteprima1 1704015L’equipe di educatori orionini impegnati nelle scuole delle Piccole Suore Missionarie della Carità in Cile, hanno organizzato tre giorni  di formazione carismatica con l’obiettivo di analizzare e trovare risposte a diverse necessità e sfide che si presentano nel lavoro.

L’incontro si è svolto nei giorni 15, 16 e 17 aprile a Santiago del Cile, nella sede provinciale delle PSMC ed è stato gestito dall’Equipe dell’Area Educativa della Provincia, guidata da Sr. M. Ericka Oyarzo, consigliera incaricata.

Un grande contributo al buon esito dell’incontro è stato dato dall’illuminazione di Sr. M. Angelica Ayala, religosa orionina appartenente alla Provicnia “N.S. di Luján” (Argentina). Hanno partecipato 30 docenti dei diversi Istituti delle suore orionine in Cile e tra di loro anche religiose, direttrici laiche, operatori pastorali e professsori rappresentativi della provincia che hanno condiviso uno spazio di riflessione sulle diverse sfide che oggi gli educatori orionini devono affrontare nel lavoro di gestione degli istituti educativi vivendo il carisma ereditato.

I temi tratatti sono stati i seguenti:

  1. Riscoprire il carisma educativo di San Luigi Orione alla luce del motto: “Instaurare omnia in Christo”
  2. Origini carismatiche: l’albero della Famiglia Orionina.
  3. Idee forza ispiratrici e principi carismatici di Don Orione.
  4. Impulso educativo evangelizzatore e missionario.
  5. Stile pedagogico di Don Orione.
  6. Metodo paterno-materno cristiano.

Nel corso dell’incontro sono state anche condivise alcune significative esperienze sui programmi per i giovani che si stanno svolgendo nei diversi istituti delle opere orionine.

Ringraziamo il Signore per queste occasioni di formazione importanti e significative.

Sr. M. Ericka Oyarzo

Segretaria provinciale

Pubblicato in 2015
Martedì, 03 Marzo 2015 11:13

Cile: Missione territoriale a Chiloé

03 marzo

anteprima1 0303015Chi ha qualcosa da raccontare dell’esperienza di Gesù nella sua vita può essere missionario, e chi ha solo cose da trasmettere, si prenda del tempo in più...la condizione non è sapere, bensì (avere scoperto, riconoscere e condividere) che cosa ha fatto Cristo nella mia Vita”.

Mariano Puga

Sacerdote itinerante dell’Arcipelago di Chiloé

 

Nel mese di febbraio un gruppo formato da: Sr. M. Ericka, Sr. M. Mercedes, Sr. M. Elizabeth, Paola Romero educatrice del collegio “Carmen Arriaran” e Felipe Espinoza Professore di Religione nello stesso istituto, ha preso parte alla missione territoriale che si è svolta a Chiloé, organizzata dall’equipe missionaria della Provincia “N.S. del Carmen” e guidata da Sr. M. Rosanna Sánchez.

 

È stata un’esperienza spiritualmente molto ricca, condivisa con le persone che vivono nell’isola dell’arcipelago di Chiloé e svolta in collaborazione con la Missione della Diocesi di Ancud, condividendo il lavoro apostolico di Padre Luis Terán sacerdote diocesano che vive la sua missione percorrendo durante tutto l’anno queste isole.

La missione ha toccato i settori di “Aucaco”, la Cappella “San Pablo” ed è durata poco più di una settimana.

 

Quello che è chiaro è che andare in missione è un fatto complesso per coloro che vogliono o pretendono di capire cosa significa condividere l’esperienza di fede con gli altri, accompagnarli in silenzio, nelle loro gioie e sofferenze intorno a un mate, raccogliendo patate, frutti di mare e pregando insieme.  C’è un atto di fede innegabile nell’andare in un luogo e confidare che Dio opererà attraverso i missionari e coloro che li ricevono.

Credere che la testimonianza possa essere una buona notizia per gli altri e che Dio abbia bisogno di religiosi e laici orionini perchè i suoi figli lo riconoscano presente nelle loro vite, è una grazia, un regalo molto prezioso che nel contesto del Centenario della nostra fondazione è una doppia grazia.

Sr. M.  Ericka Oyarzo

Segretaria Provinciale.

Pubblicato in 2015

23 ottobre

anteprima1 2310014Alle cinque della mattina di sabato 18 ottobre, l’equipe di pastorale giovanile della Provincia “N. S. Del Carmen” si è unita alla partenza ufficiale della 24° edizione del Pellegrinaggio Giovanile al Santuario di “Santa Teresa delle Ande” a Santiago; 27 chilomentri che migliaia di giovani percorrono camminando e raccomandando a Dio le proprie famiglie.

Il tema di quest’anno è stato: “Viviamo con Santa Teresa la gioia dell’Evangelizzazione”.

Il Pellegrinaggio si è articolato in 14 stazioni. Arrivati al Santuario e recuperate le forze, i giovani hanno assistito ad una presentazione musicale e successivamente hanno partecipato alla Santa Messa presieduta dal Vescovo Ausiliare di Santiago Mons. Galo Fernández. Hanno preso parte all’incontro più di un milione di pellegrini di differenti parti del paese.

Due gruppi di giovani si sono poi recati alle comunità delle PSMC  “Mater Dei” e “Carmen Arriaran” a riposare e a condividere, in un animato incontro fraterno, la propria esperienza di pellegrinaggio.

La Domenica hanno partecipato all’eucarestia nel Piccolo Cottolengo del Los Cerrillos, celebrata dal giovane sacerdote Manuel Torre Burgos della diocesi di Los Angeles, dove le suore dell’equipe di pastorale giovanile hanno lavorato tutto quest’anno.

Terminata l’eucarestia i giovani, accompagnati dalle suore, hanno visitato i padiglioni degli assistiti.

Suor María Verónica Valencia

     Secretaria Provincial

Pubblicato in 2014

23 settembre

 

anteprima1 2309014Le feste della patria sono i giorni di settembre in cui i cileni si riuniscono per celebrare il proprio paese, la propria cultura e l’indipendenza. La festa ha il suo “culmine” il 18 settembre, giorno dell’Indipendenza del Cile.

Il Cile iniziò il suo cammino verso libertà dalla Spagna nel 1810 con la prima Giunta nazionale di Governo, sebbene lottò ancora otto anni per conquistare la totale autonomia.

Il Paese celebra questa data con grande orgoglio e passione. I festeggiamenti durano una settimana durante la quale si svolgono parate, danze, pranzi tradizionali cileni e musica. Tra le parate ci sono anche quelle dei contadini e degli allevatori tradizionali e altre manifestazioni di orgoglio nazionale.

Le Piccole Suore Missionarie della Provincia cilena hanno celebrato questo avvenimento nella comunità “Nuestra Señora de la Guardia” a Curacavi a 45 chilometri dalla capitale, in una zona di campagna, dove sono arrivate le consorelle di tutte le comunità per ballare la “cueca”, il ballo nazionale, e partecipare a giochi tradizionali, con allegria e spirito di unità.

È stata una gioiosa festa fraterna, culminata in una bella liturgia. 

Pubblicato in 2014

19 agosto

anteprima1 1908014.jpgLe suore dell’Equipe della Pastorale Giovanile Vacazionale della Provincia “N.S. del Carmen” hanno partecipato martedi 12 agosto a Quintero ad una giornata di riflessione sulla figura del Fondatore, insieme a 150 giovani del Collegio “Don Orione”.

Durante la giornata i giovani sono stati sensibilizzati a partecipare all’Incontro Nazionale dei Giovani Orionini che si svolgerà a Santiago e al Congresso Missionario organizzato dalle PSMC a Curacavi.

I giovani di questa città non hanno l’opportunità di conoscere la vita religiosa femminile e per questo motivo le suore orionine stanno collaborando con i Figli della Divina Provvidenza presenti sul luogo, per far nascere nuove vocazioni per l’Istituto delle PSMC.

Di ritorno da Quintero, l’Equipe di Pastorale Vocazionale si è recata nella città di Los Angeles a 520 Km da Santiago, nel sud del Cile, per partecipare ad alcune attività religiose organizzate nell’ambito della Settimana della Vita Religiosa che in Cile si celebra ogni anno il 15 agosto. Tra queste attività: l’adorazione del Santissimo Sacramento con i giovani della Parrocchia “N. S. di Fatima”, che ha preceduto l’ordinazione sacerdote di un giovane che si è formato nel solco del carisma orionino. Il sabato poi le PSMC hanno condiviso con i giovani un momento di preghiera nella Parrocchia dei FDP durante la Festa dell’Assunzione della Vergine e si sono incontrate con tutti coloro che hanno manifestato apertamente il loro interesse per la vita religiosa orionina.

                                     Sr. M. Verónica Valencia

                                                                                                Consigliera incaricata della Pastorale Giovanile Vocazionale  

Pubblicato in 2014

07 agosto

anteprima1 0708014Proseguono i lavori di organizzazione per il Congresso Missionario 2014, ideato e realizzato dalle PSMC della Provincia “N.S. del Carmen” per i propri studenti. Il primo agosto si è svolta una nuova riunione della Commissione organizzativa alla quale hanno preso parte i responsabili delle varie attività che saranno realizzate durante l’evento.

In particolare si è parlato della Commissione di lavoro, dell’organizzazione dei pasti per i partecipanti, delle donazioni e della revisione del Testo Base che dovrà essere consegnato a tutti coloro che prenderanno parte a questa bellissima esperienza.

Pubblicato in 2014
Pagina 1 di 4

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.